INSTALLAZIONE TELECAMERE SORVEGLIANZA

CONSIMMOBILIARE Serietà e Professionalitàal vostro servizio.............

info@consimm.it
|
06 205 39 29
|
EnglishFrenchGermanItalianRussianSpanish
Vai ai contenuti

INSTALLAZIONE TELECAMERE SORVEGLIANZA

CONSIMM
Pubblicato da CONSIMMOBILIARE in NEWS · 4 Maggio 2024
Tags: #sorveglianza#sicurezza
Per installare telecamere nelle parti comuni di un condominio (ingresso, scale, autorimesse, vialetti, ecc.) è necessario che l’assemblea approvi a maggioranza, dei presenti e dei millesimi condominiali, la proposta. In seguito all’installazione è necessario posizionare in modo ben visibile uno o più cartelli per informare della presenza delle telecamere. Il cartello deve riportare:

  • Il nome di chi effettua la registrazione;
  • Il motivo della registrazione;
  • Il periodo di conservazione della registrazione delle immagini che salvo casi particolari non può essere superiore a 24/48 ore;
  • I diritti di chi viene ripreso.

Le immagini delle telecamere condominiali possono essere visionate dall’amministratore di condominio o se diverso, dal soggetto che l’assemblea ha nominato quale responsabile del trattamento dei dati. Per evitare abusi, i singoli condomini hanno diritto di visionare le riprese su richiesta scritta all’amministratore e per motivi specifici, furto, danneggiamento ecc. La visione deve avvenire sotto il controllo dell’amministratore ed a seguito di denuncia alle forze dell’ordine.

Si possono installare telecamere in condominio senza autorizzazione?



La risposta a questa domanda è Sì! Il singolo condomino può installare telecamere a tutela della propria sicurezza nelle aree condominiali senza alcuna autorizzazione, a precise condizioni:

  1. La telecamera installata sulla parete del pianerottolo deve inquadrare solo la porta di accesso di proprietà;
  2. Se la telecamera è posta in alto sopra la porta, deve essere rivolta verso lo zerbino, senza inquadrare altre parti condominiali;
  3. Se la telecamera è installata nell’autorimessa, deve inquadrare il proprio posto auto.

In tutti i casi l’installazione deve essere finalizzata alla tutela della propria sicurezza, senza violare la privacy degli altri condomini. L’installazione delle telecamere in condominio del singolo, non è soggetta all’affissione di cartelli.

Quando le telecamere violano la privacy?
Le telecamere devono essere installate nel rispetto delle normative sulla privacy, le riprese non devono interferire nella vita privata degli altri, per non incorrere nel reato previsto dall’art. 615 bis c.p. ad esempio non è possibile:

  • Riprendere luoghi pubblici (strade, piazze, parchi), salvo che la videoregistrazione non sia autorizzata per comprovati motivi di sicurezza, Corte di Cassazione sentenza n. 20527/2019.
  • Effettuare riprese su aree private dei vicini, come terrazzi, balconi, giardini, abitazioni;
  • Divulgare le immagini di terzi con qualsiasi mezzo.

Come indicato dal Garante della privacy: “L’attività di videosorveglianza va effettuata nel rispetto del cosiddetto principio di minimizzazione dei dati riguardo alla scelta delle modalità di ripresa e dislocazione e alla gestione delle varie fasi del trattamento. I dati trattati devono comunque essere pertinenti e non eccedenti rispetto alle finalità perseguite.”

Se il tuo vicino ha installato delle telecamere in aree condominiali, quali ad esempio il pianerottolo, il garage ecc. che non rispettano la tua privacy, hai due possibili soluzioni: chiedere che vengano orientate diversamente; In alternativa se non ottieni i risultati sperati, non ti resta che presentare una denuncia per violazione della privacy.



Non sono presenti ancora recensioni.
0
0
0
0
0

Torna ai contenuti